The Police

Canzoni contro la guerra di The Police

I Police sono
Sting (voce e basso)
Andy Summers (chitarra)
Stewart Copeland (batteria)

Gruppo rock inglese che fu fortemente influenzato dal reggae, e si mise in evidenza nel risveglio del fenomeno punk rock. Il gruppo si formò nel 1976 su iniziativa di Stewart Copeland (batterista) che inizialmente ingaggiò Sting (bassista e cantante) e Henri Padovani (chitarrista). Questa formazione pubblicò il primo singolo della band ("Fall Out") nel Maggio del 1977. Ad Andy Summers (chitarrista) fu poi chiesto di fare parte del gruppo, formando così i Police. (Vedere anche le origini del gruppo Strontium 90 per una differente veduta delle loro origini).

Copeland aveva precedentemente suonato la batteria in una band gotica chiamata Curved Air. Poco dopo essersene andato, ebbe notizia di Sting, allora bassista e cantante con un gruppo jazz fusion chiamato Last Exit. Sting dimostrò di essere un abile compositore di canzoni; precedentemente era stato per un certo tempo un insegnante di inglese nella scuola superiore, e i suoi testi sono celebri per la loro consapevolezza letteraria e agilità verbale. Alcune idee nell'album Ghost in the Machine furono ispirate dagli scritti di Arthur Koestler, e per Synchronicity fu ispirato dagli scritti di C. G. Jung. Ma la canzone "Tea in the Sahara" in quest'ultimo album mostrò interesse anche in Paul Bowles.

Quando la band ingaggiò Andy Summers, disse a Padovani che voleva sperimentare con 'nuovi suoni'. Padovani assentì e lasciò la band.

Per i Police incidere il loro primo album, Outlandos d'Amour, fu una sofferenza: lavorarono con un piccolo budget, senza manager, contratto discografico, o altro tipo di contatti. Il fratello maggiore di Stewart Copeland, Miles, sentì 'Roxanne' per la prima volta e ottenne immediatamente un contratto discografico con l'A&M Records. Il singolo fu pubblicato di nuovo nel 1979, e fu allora che i Police ottennero fama in Inghilterra. Il loro successo portò a un concerto al malfamato CBGB New York club . Poco dopo, nell'Ottobre del 1979, il gruppo pubblicò il loro secondo album Regatta de Blanc, che conteneva il successo "Walking on the Moon".

Nel Marzo del 1980, i Police decisero di partire per il loro primo tour mondiale, comprendendo spettacoli in luoghi come Bombay, in India, e in Egitto. I Police girarono il mondo a lungo prima di diventare un evento mondiale. L'onda generata dalla loro nuova musica e il tour causarono un'esplosione di popolarità tra i devoti della New Wave in tutto il mondo. Incitati dalla loro compagnia discografica a registrare un nuovo disco con il suggerimento di ritornare a suonare dal vivo dalla fine dell'autunno, i Police pubblicarono velocemente il loro terzo album, Zenyatta Mondatta, nell'autunno del 1980. L'album divenne il numero uno nel Regno Unito con "Don't Stand So Close to Me" e "De Do Do Do, De Da Da Da", che vendettero bene negli Stati Uniti. Mondatta diede ai Police anche una fama mondiale. Fu l'ultimo album in cui il gruppo cooperò, o come Sting avrebbe detto poi, l'ultimo album a cui lavorarono 'come un gruppo'.

Il loro quarto album, Ghost In The Machine, uscito nel 1981, era caratterizzato da trame vocali e da un suono più pieni e conteneva i singoli "Every Little Thing She Does Is Magic" e "Spirits In The Material World."

Pubblicarono il loro ultimo album, Synchronicity, nel 1983; è ritenuto da molti un classico. Canzoni degne di nota da quell'album includono "Every Breath You Take" and "Wrapped Around Your Finger". Anche se non ci fu uno scioglimento ufficiale del gruppo, ogni membro della band cominciò pian piano la propria carriera solista, tra le quali quella di Sting è sicuramente quella di maggior successo, mentre Stewart Copeland si è interessato recentemente anche al fenomeno della taranta, suonando con musicisti italiani.

Un tenue tentativo di riunirsi nel 1986 produsse una nuova registrazione della loro canzone "Don't Stand So Close to Me".