Tri Yann

Canzoni contro la guerra di Tri Yann

Era il 27 dicembre 1970, giorno di Saint Jean, a Plouharnel dalle parti di Carnac, che Jean CHOCUN, Jean Paul CORBINEAU E Jean Louis JOSSIC prendono flauto e chitarre per interpretare davanti a qualche amico la "Pastorella di Saint Julien".

La settiamana seguente, essi suonano tre "arie" in un fest-niz a Naoned (Nantes). Uno dei ballerini, quel giorno, li soprannomina TRI YANN AN NAONED (i tre Jean di Nantes), un nome che venne adottato immediatamente.

Jean CHOCUN era all'epoca "assistente amministrativo" in una compagnia marittima, Jean Paul CORBINEAU si occupava degli acquisti per un ipermercato e Jean Louis JOSSIC insegnava Storia e Geografia al collegio di Savenay. Egli incontra Bernard BAUDRILLER, professore d'inglese, che si unisce al gruppo nell'ottobre 1971.

I "quattro moschettieri" di Nantes non avevano particolari ambizioni salvo far partecipare alle loro esibizioni un piccolo pubblico d'amatori e di far uscire dal suo cerchio di appassionati la tradizione bretone - ed in particolare quella nantese. Essi si esibiscono più volentieri ai M.J.C. o nei centri socio-culturali della Loira Atlantica piuttosto che alle feste da ballo ed ai fest-noz.

Nel febbraio 1972 essi incontrano Gilles SERVAT il quale propone loro di registrare un 33 giri per una giovane etichetta bretone: KELENN. È così che nacque l'album " TRI YANN AN NAONED" registrato nel giugno 1972 in pochi giorni, allo studio di Guipavas presso Brest. La nuova etichetta esita a far uscire più di 500 esemplari, così il gruppo decise di co-produrne altri 500. La distribuzione è limitata alle principali negozi di dischi della Bretagna. Questa prima tiratura viene esaurita in qualche settimana e senza nessuna promozione.

Jacques CAILLART, allora direttore commerciale della PHONOGRAM, ascoltò l'album durante le sue vacanze in Bretagna. Di ritorno a Parigi, egli propose alla KELENN di distribuire il suo catalogo. Il brano "PRIGIONI DI NANTES" viene trasmesso su FRANCE INTER e EUROPE !. Juliette GRECO scelse il gruppo - che amava da tempo - come supporter ad un suo concerto all'OLYMPIA di Parigi nel dicembre 1972.

Il movimento folk americano degli anni '60-'70 influenza i primi TRI YANN, come tutti i gruppi irlandesi d'allora o altri gruppi bretoni nati sulla scia dei nostri: l'importanza delle voci, assenza degli strumenti tradizionali, utilizzo della chitarra acustica, del banjo, del dulcimer e del contrabbasso. Il repertorio è improntato sul folklore della BRETAGNA, dell'IRLANDA e del QUEBEC.

Spinti dal successo e dall'impossibilità di esibirsi in concerti lontano da Nantes, diventano professionisti il 1° gennaio 1973, senza mai averlo immaginato qualche mese prima. TRI YANN AN NAONED diventano TRI YANN.

Il secondo album "DIX ANS DIX FILLES", apparso in marzo, segue il filone del primo. Nello stesso mese, un "MUSICORAMA" all'OLYMPIA riunisce a Parigi i migliori artisti della KELENN. Alla fine dell'esibizione dei TRI YANN gli spettatori salgono sul palco a ballare. Bruno COQUATRIX riprende il gruppo, questa volta per una settimana, per lo spettacolo "KELTIA 73".

TRI YANN è lanciato intanto come gruppo "da scena", un aspetto che sarà fondamentale al prosieguo della loro carriera, il quale aggiungerà valore alla loro produzione discografica.

Nel corso d'una tournèe bretone di 40 giorni sotto un tendone,durante l'estate del 1973 e sempre con gli artisti della KELENN, alcune decine di migliaia di spettatori, venuti dalla Francia e dall'estero scoprono il gruppo.

Nel 1974, Parigi dimentica la "moda bretone". Paradossalmente, il passa-parola fa il suo corso ed i TRI YANN s'esibiscono sempre più fuori dalla Bretagna, in tutti gli angoli della Francia.

Il terzo album "SUITE GALLAISE" è registrato sotto una propria etichetta, MARZELLE, sempre prodotto e distribuito dalla PHONOGRAM. Conferma un amore per le radici dell'ALTA BRETAGNA, soprattutto la zona orientale ove i TRI YANN sono nati. Questo disco è il primo registrato presso gli studi DES DAMES a Parigi, e dà il via ad una lunga collaborazione con Paul HOUDEBINE , tecnico del suono di Graeme ALLWRIGHT, Maxime LE FORESTIER e ANGE.

Nel 1976 con "LA DECOUVERTE OU L'IGNORANCE" con l'evoluzione della composizione e dell'elettrificazione il riconoscimento della critica è unanime.

Nel giugno 1977, Gerard GORON rimpiazza alla batteria Jerome GASMI che aveva raggiunto il gruppo l'anno precedente.

Nel 1978, il gruppo si esibisce per la prima volta all'estero, in Belgio e Germania, poi in Svizzera al FESTIVAL INTERNATIONALE DE NYON, con i FAIRPORT CONVENTION, dove sarà il trionfo davanti a 15.000 persone.

La stampa specializzata titola: "TRI YANN a livello europeo ..."

Il quinto album " URBA" insiste sul radicamento coltivato nel " folk progressivo" come antidoto all'urbanizzazione scomposta " Essi sono un'occasione per la sopravvivenza delle nostre tradizioni per la nostra gente……"

Altro rischio ecologico, quello del nucleare, viene consacrato dai TRI YANN in un intero lato del loro album "AN HEOL A ZO GLAZ" ( IL SOLE E' VERDE) nel 1981, in riferimento agli avvenimenti di Plogoff

Musicalmente, i TRI YANN si rinforzano con l'arrivo di Christian VIGNOLES (chitarra acustica ed elettrica). Dopo un'eclissi di qualche mese dove è rimpiazzato da Mylene COUE, Jean Paul CORBINEAU rientra nel gruppo.

Nel 1983 la stampa tedesca consegna ai TRI YANN il Premio della Critica del Disco .

"CAFE DU BOIN COIN" esce in agosto. Conferma le influenze medioevali e Rinascimentali e l'impronta rock della nuova tradizione creata dal gruppo.

Il 1985 comincia con l'ingresso nel gruppo di Bruno SABATHE (tastiere) e termina con la partenza di Bernard BAUDRILLER, rimpiazzato da Louis-Marie SEVENO (basso e violino). I TRI YANN restano fedeli a Nantes ove registrano un album dal vivo: " ANNIVERSCENE", festeggiando così i loro 15 anni.

Nel 1988, i TRI YANN mettono in scena "LE VAISSEAU DE PIERRE" nono album (doppio) del gruppo, integrati per l'occasione da Jean Luc CHEVALIER, ex MAGMA (chitarra).

Nel gennaio 1991 registrano "BELLE ET REBELLE", un CD di brani dedicati a Nantes ed a Jacques DEMY recentemente scomparso.

Alla fine del 1992, Bruno SABATHE lascia il gruppo ed è rimpiazzato da Christophe LE HELLEY (tastiere, ma abile con gli strumenti antichi) rinforzando il nucleo tradizionale dei TRI YANN nella preparazione del loro undicesimo album.

Nel 1993 e 1994 i TRI YANN si esibiscono in numerosi concerti totalizzando un numero impressionante di spettatori e, approfittando dell'opportunità che gli viene offerta dal Festival "CELTOMANIA" producono un video dello spettacolo tenutosi all'ONIX di SAINT HERBLAIN vicino a Nantes, esaudendo la richiesta del pubblico.

1995, il Gruppo inizia la preparazione del loro nuovo CD "PORTRAITS"che registrano nell'Abbazia di FONTEVRAUD per l'acustica propria del luogo e propizia all'espressione vocale.Bernard BAUDRILLER, invitato, aggiunge il suo timbro vocale quello degli altri membri dei TRI YANN.

Sei tracce di questo album trattano della vita di Guillaume SEZNEC, condannato a più di 20 anni di carcere per un crimine senza movente, senza prove e senza cadavere.

TRI YANN vengono invitati al FRANCOFOLIES di La Rochelle e partecipano al 25° anniversario del FESTIVAL INTERCELTICO DI LORIENT.

Nell'ottobre del 1995 il biscottificio LU di Nantes, luogo carico di storia e dove persiste da sempre l'odore del "piccolo burro" ingaggia i TRI YANN per celebrare i 25 anni dell'attività per due eccezionali concerti che raggruppano tutti i musicisti che hanno marcato la storia del Gruppo ed i loro amici. Un disco d'oro gli viene donato per "INVENTAIRE 1970 - 1993" Il pubblico riserva loro un caloroso trionfo e proseguono il "felice anniversario" prolungandone la celebrazione al BATACLAN di Parigi con 4 concerti in dicembre; dopodichè una compilation "INVENTAIRE N.2 " è emessa sul mercato.

Il PRINTEMPS di BOURGES accoglie i TRI YANN nell'aprile 1996 e, il 10 maggio seguente il Gruppo ritrova la scena dell'OLYMPIA per un'unica serata completamente esaurita da due mesi.



L'avvenimento sarà l'opportunità per l'uscita di un doppio CD "TRI YANN in concert" …….Si potrà vedere il Gruppo sul video, con la camera di Christophe DAGOBERT che l' accompagnerà sulle strade e sulla scena durante l'estate.

A metà gennaio 1997 la MIDEM accoglie i TRI YANN a Cannes, un'occasione sfruttata dal Gruppo per distinguersi davanti alla "gente del mestiere", la stessa che li candideranno alla nomina per la "VICTOIRE DE LA MUSIQUE.

Poi, s'iscrivono nel calendario del Gruppo, i Festivals LA FAYETTE in Louisiana, RUDOLSTADT in Germania, FRANCOFOLIES a La Rochelle, CORNOVAGLIA a Quimper, INTECELTIQUE a Lorient, ZENITH a Orleans, tra i numerosi spettacoli programmati in corso d'anno.

Davanti al successo riscontrato dall'antologia "LE MEILLEUR DE TRI YANN" ( venduto in più di 300.000 copie) la casa discografica PHONOGRAM/MERCURY pubblica "LE MEILLEUR vol. 2" che si piazza in testa alle classifiche di vendita di antologie in Francia. Nel frattempo, i TRI YANN crea un nuovo repertorio il quale genererà un nuovo album sul tema di un viaggio negli itinerari celtici.

Ma, prima di tutto ciò, dopo un incontro con l'ORCHESTRE NATIONAL DES PAYS DE LA LOIRE, un progetto comune vede la luce nel giugno 1998 e uno spettacolo offerto a CHATEAUBRIANT, NANTES, ANGERS e LAVAL.

Per soddisfare un desiderio del Gruppo, una serie di 10 episodi di colloqui e proposte in diversi momenti musicali ( estratti da album e/o concerti) viene realizzato da Mathieu VIDARD per RADIO FRANCE. Questa realizzazione dà luogo alla commercializzazione nel luglio 1998 di un cofanetto di 2 CD con il titolo "LA VEILLEE DU 3ème MILLENAIRE".

Sorprendentemente, alla fine di agosto 1998, Christophe LE HELLEY decide di lasciare il Gruppo per dedicarsi a tempo pieno alla sua grande passione: le musiche medioevali. Provvisoriamente viene rimpiazzato da Bruno SABATHE che ritrova per qualche mese il posto ancora tiepido che aveva lasciato qualche anno fa …..

La fine di novembre 1998 vede l'uscita simultanea di un album di 3 CD prodotto dalla MERCURY col titolo "TRILOGIE" e un CD "TRI YANN et l'O.N.P.L." battezzato " LA TRADITION SYMPHONIQUE"; un'esperienza esaltante che sposa un orchestra classica di un centinaio di musicisti e dei cantori di folk-rock-celto-medioevale!!!

Nel dicembre 1998 e gennaio 1999 il gruppo prova i braniin compagnia di due nuovi arrivati: Fred BOURGEOIS alle tastiere e Konan MEVEL agli strumenti tradizionali (cornamusa, veuze, ecc.); l'integrazione sul piano umano e musicale è totale.



All'inizio del gennaio 1999 il CD "EXCALIBUR" concepito e prodotto da Alain SIMON esce in Francia; i TRI YANN interpretano uno dei brani " Pour l'amour de la Reine" trovandosi, in quest'album, in compagnia di Dan Ar Braz, Angelo Branduardi, Fairport Convention, Roger Hodgson, (ex Supertramp), Carlos Nunez, Denez Prigent, Gabriel Yacoube, ECC.

L'anno 1999 è fertile di avvenimenti in quanto i TRI YANN dividono la scena di BERCY a Parigi per lo spettacolo " BretagneS" il 16 marzo, con Dan Ar Braz, Armens, Alan Stivell, Gilles Servat, Karen Matheson, Donal Lunny, la Bagad Kemper. Poi, dopo aver vagabondato di concerti in spettacoli, fanno il tutto esaurito a l'Olympia la prima settimana di giugno. In programma LES FRANCOFOLIES a SPA in Belgio, il FESTIVAL INTERCELTIQUE DI LORIENT, il FESTIVAL DI DRANOUTER in Belgio, ecc...

Nell'anno, Jean Paul CORBINEAU, Jean Louis JOSSIC e Jean CHOCUN, i fondatori del Gruppo, vengono insigniti dal Ministero della Cultura al titolo di Cavalieri dell'Ordine delle Arti e Lettere.

Alla fine di novembre Louis Marie SEVENO, detto LOUMI, lascia il Gruppo dopo quattordici anni di amicizia caloroso per fondare il proprio gruppo "CERNUNOS". E' rimpiazzato dal talentuoso Christophe PELOIL, violinista e bassista entusiasta, il giorno stesso che ai TRI YANN viene conferito il "GRAN PREMIO DELLA SACEM" categoria Musiche Tradizionali.

Infine, il 18 ed il 19 gennaio 2001 i TRI YANN festeggiarono il 30° anniversario della loro carriera con due concerti a Nantes ed uno allo Zenith di Parigi ove presentarono la loro ultima opera "LE PELEGRIN".

E la storia continua...