Cantacunti

Canzoni contro la guerra di Cantacunti

CANTACUNTI (ovvero "cantaracconti") è il nome dell’ idea-progetto di Gianni Vico, cantastorie di Manduria (TA), e della sua chitarra: cantare i racconti, le leggende, i costumi e la storia (passata e presente) della propria terra.

A quest’ idea si sono uniti negli anni MARIA ROSARIA COPPOLA (voce, tamburello, voce-narrante), ROBERTO BASCIA’ (chitarra, mandolino), ANTONIO LIBARDI (flauto, ottavino) e ANDREA LUPERTO (tamburello, percussioni), dando vita all’ attuale compagnia di cantastorie.

Nel solco della tradizione dei Cantastorie, i CANTACUNTI propongono un originale repertorio dove le chitarre, unitamente agli altri strumenti, sono un vestito ricco (mai pesante) ai testi dei racconti dei CUNTI.

http://www.veglienews.it/magazine/altro/manifestazioni/anno2005/cantacunti.htm

*

La sanguinosa presa di Otranto da parte dei Turchi avvenuta nel 1480 è diventata un’opera cantastoriale grazie ai "Cantacunti", un gruppo musicale di Manduria. La storia del martirio idruntino è divenuta così una suggestiva narrazione alla maniera dei vecchi cantastorie che si snoda in nove episodi, costituiti da sette ballate e due temi musicali. È una sorta di "omaggio alla bellezza di questo giardino sul mare, affacciato su di un Canale dove i Cantacunti immaginano un rematore che sogna e ricorda le note di un’antica ninna nanna, mentre il tempo si ferma nella luce dell’ora meridiana", spiegano loro stessi nell’opera. Il cd, di gradevole ascolto, è stato pubblicato con il patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Otranto, dell’Associazione Nazionale Cantastorie e dell’associazione culturale Cantiere Aperto. All’interno della pubblicazione c’è il libretto con tutti i testi delle ballate. Il gruppo è composto da sei elementi: Gianni Vico, voce, chitarra folk, chitarra classica e bouzouki; Roberto Pascià, chitarra classica, mandolino e voce, Antonio Libardi al flauto e Maria Rosaria Coppola, voce, tamburello e voce narrante; Giampiero Pichierri alla fisarmonica e Giuseppe Pisconti al corno. Gli arrangiamenti musicali sono curati dagli stessi Cantacunti, le parole e la musica sono di Gianni Vico, mentre le ballate ed i temi musicali sono cuciti insieme dai versi di "Capitano Black", ovvero l’illustre poeta salentino Giuseppe De Dominicis. Il cd è stato prodotto e registrato presso PNP Production di Monteiasi, in provincia di Taranto.

http://www.quisalento.it/pagine/live12.html