Raffaele Viviani

Canzoni contro la guerra di Raffaele Viviani

Biografia tratta dal sito "La Storia di Napoli":

Raffaele Viviani nacque a Castellammare di Stabia il 10 gennaio del 1888 da famiglia povera, il padre cappellaio e poi vestiarista teatrale e la madre casalinga. Ad appena 4 anni e mezzo fece il suo esordio in un teatrino di marionette sito in via Foria, di proprietà di Aniello Scarpati. A soli dodici anni Raffaele rimasto orfano del padre rimase in un profondo stato d'indigenza e col gravoso compito di badare alla madre ed alla sorella Luisella. La tragicità della condizione familiare di Papiluccio traspare, in maniera straziante, dall'opera autobiografica La Boheme dei comici che egli scrisse nel 1930. Eccone uno stralcio molto significativo:

...Pecché nun ce steveno soldi. (pausa) Quanno s'avev'a scavà venette 'o terrasantiere 'a casa a ce avvertì. Nuje pregaiemo e fa stà a papà n'atu ppoco sott'o turreno, cu a speranza,sempe, 'e lle puté accattà 'nu fuosso;metterce 'na croce, 'nu nomme scritto 'ncoppa comme a 'nu cristiano... Tutto inutile: a rimando a rimando, passaieno tre anne e miezo. (pausa) Ll'uldema vota ca venette 'o terrasantiere 'a casa, stevemo 'a duje juorne diune... «Io l'aggìa scavà pe fforza» dicette. «E si nun tenite 'e sorde, io l'aggìa menà mmiezo a ll'ate». «Menatelo addo vulite vuje !». Rispunnette io. «Sempe meglio e nuje stà». (Pausa) A miseria nun te fa capì niente cchiù ! S'addiventa n'incosciente.

Gli anni della sua gioventù, semmai ne ebbe una, li spese a girare in lungo ed in largo l'Italia intera allo scopo di ricevere una scrittura, affermarsi e quindi provvedere alla sua famiglia. A 20 anni compiuti, grazie alla sua forza di volontà, alle sue doti artistiche, ed al suo spirito di sacrificio, il nostro Papiluccio era già conosciuto ed apprezzato nei teatri di tutta la penisola, la sua bravura e la sua fama lo portarono ben presto fuori dai patri lidi. Nel 1911 lo troviamo a Budapest, nel 1915 a Parigi, nel 1925 a Tripoli e poi ancora in Brasile, Uruguay e Argentina. Papiluccio portò alla ribalta di tutti i teatri quei tipi da lui resi celebri, come: 'O scugnizzo, 'O scupatore, 'O cucchiere, 'O sunatore 'e pianino, 'O tramviere, 'O mariunciello, Il mendicante e moltissimi altri ancora. Raffaele Viviani é stato l'attore più importante della prima metà del 1900, nelle sue bellissime opere ha raccontato una Napoli viva, quella Napoli dei vicoli, dei mille mestieri, con i suoi tanti nei: prostitute, guappi, lenoni, ladri, ma anche commercianti, lavoratori, operai, contadini. Viviani con i suoi toni, le sue armonie ed i suoi colori, ha costituito per lungo tempo l'unica alternativa al teatro pirandelliano, creando egli stesso una nuova forma di fare teatro, una nuova forma che purtroppo (e lo diciamo a malincuore) é rimasta lì,ferma, senza che nessuno, che ne fosse degno, abbia ripreso il suo discorso. La sua arte era immensa, la sua maschera era stupenda, Viviani fu anche poeta ed autore di bellissime canzoni. Egli divenne uno dei maggiori esponenti della drammaturgia napoletana, e ci fa piacere ricordare, tra le sue più belle opere: 'O vico, Tuledo 'e notte, Lo sposalizio, Circo equestre Squeglia, I pescatori e Morte di Carnevale. Si spense il 22 marzo del 1950 e, prima di morire, dopo esser stato zitto per più di 12 ore, trovò la forza di chiedere, con un ultimo sforzo e con un tenue filo di voce: Arapite, faciteme vedé Napule.